Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers I Lakers stendono i Bucks, LeBron: “Io, AD e Russ, la nostra miglior partita assieme”

I Lakers stendono i Bucks, LeBron: “Io, AD e Russ, la nostra miglior partita assieme”

di Michele Gibin
lakers bucks

Anthony Davis aveva detto poche ore prima della partita contro i Milwaukee Bucks, la prima di una serie di 6 trasferte, che dopo il tour a Est si attendeva dei Los Angeles Lakers sopra al 50% di vittorie.

E il primo passo è stato compiuto, con una vittoria al Fiserv Forum per 133-129 in cui lo stesso Davis ha dominato, con 44 punti, 10 rimbalzi e 4 assist con 3 stoppate, per i Lakers si tratta senza dubbio della miglior vittoria e forse della miglior partita stagionale.

Col ritorno in campo di Khris Middleton, sia i Bucks che i Lakers hanno a disposizione i rispettivi big three, e ad avere la meglio è quello degli ospiti, non solo con Davis ma anche con un LeBron James da 28 punti con 11 assist e 8 rimbalzi, e un Russell Westbrook da 15 punti, 11 assist e 7 rimbalzi in 29 minuti. Giannis Antetokounmpo dall’altra parte chiude a quota 40 punti ma viene per quanto possibile limitato a rimbalzo e sotto canestro da un grandissimo Anthony Davis. Per Middleton esordio positivo, da 17 punti in 27 minuti, Jrue Holiday di punti ne segna 28 con 9 assist, ma a passare sono i Lakers.

Segnare 133 punti contro la miglior difesa NBA è un’impresa, ma i Lakers delle ultime 10 partite hanno ritrovato un attacco efficace affidandosi, anche per necessità, a Anthony Davis. Nel finale punto a punto sono AD e LeBron James a fare la differenza, con tanti giochi a due che costringono Milwaukee a scegliere. Le due star gialloviola sono sempre dentro l’area dei tre secondi dei Bucks, con dei pick and roll giocati all’altezza del gomito, e a 2 minuti dal termine dopo che Antetokounmpo e LeBron si scambiano canestri, è un layup di Anthony Davis contro Brook Lopez a dare il vantaggio decisivo ai Lakers.

LA la spunta dopo una partita perfetta dal punto di vista tattico, sono solo 4 le palle perse alla fine, con 53% dal campo. I Bucks, Giannis a parte, non vanno mai in lunetta e non bastano le 17 triple segnate.

E’ stata una vittoria di squadra, l’abbiamo voluta per 48 minuti, abbiamo lottato, dato e preso pugni… la vittoria di oggi è anche per coach Ham, era l’unica in stagione qui a Milwaukee e volevamo fargli un regalo“, così Davis a fine partita su Darvin Ham, per 4 anni assistente allenatore ai Bucks fino al 2022 “Fa bene quando vedi un coach che dà tutto per la sua squadra e i giocatori, e sei in grado di rendere il favore con una bella vittoria“.

LeBron James ha tagliato l’ennesimo traguardo prestigioso della sua carriera, superando Magic Johnson al sesto posto della classifica All-Time negli assist: “Sapere di essere incluso in questi discorsi con questi nomi è sempre… beh, fantastico. Non mi paragono a Magic nella storia dei Lakers ovviamente, lui, Kobe, James Worthy, Shaq sono sinonimi di questa franchigia, ma fare parte delle loro stesse liste è sempre bello“.

LeBron, più sereno rispetto all’inizio della stagione, si è spinto dopo la partita a definire la vittoria contro i Bucksla nostra prova più complementare e la miglior partita da parte di tutti e tre (lui, Davis e Westbrook, ndr). Avevamo tutti un buon ritmo, abbiamo tutti fatto giocate d’impatto per tutta la partita“.

Proprio due errori dalla lunetta di Westbrook a 13 secondi dal termine hanno rischiato di rovinare la festa ai Lakers, ma sul 132-129 Jrue Holiday ha fallito a 5.5 secondi dalla sirena un tiro da due per il-1. Davis ha poi chiuso il discorso ai tiri liberi.

Per loro è stato troppo facile, oggi, troppo“, così Antetokounmpo Hanno fatto ciò che volevano in area, questo non è da noi“.

You may also like

Lascia un commento