Anthony Davis, nel suo quintetto ideale ben 4 giocatori dei Lakers
143045
post-template-default,single,single-post,postid-143045,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Anthony Davis, nel suo quintetto All Time ci sono 4 giocatori dei Lakers

Lakers-Davis-Lakers-Pelicans

Anthony Davis, nel suo quintetto All Time ci sono 4 giocatori dei Lakers

Anthony Davis, da alcune settimane, è quasi ufficialmente un giocatore dei Lakers. L’amore tra “Monociglio” e la sua nuova squadra sembra però essere già sbocciato: nel suo quintetto ideale, infatti, 4 membri su 5 hanno indossato la canotta leggendaria di L.A.

ANTHONY DAVIS E LA SUA SQUADRA IDEALE

davis lakers-Anthony Davis-Lakers trade

Anthony Davis: contratto annuale con opzione per la stagione 2020

In una lunga intervista concessa al Los Angeles Times, in cui il neo Lakers ha per la prima volta parlato apertamente dopo la conclusione della trade che lo ha portato nella città degli Angeli, Davis è intervenuto anche su chi sarebbero i suoi compagni di squadra ideali.

Sicuramente opterei per Magic (Johnson, ndr), poi Kobe (Bryant, ndr), LeBron e me in posizione di 3 e 4 ed infine come 5 Shaq (O’Neal)”

Menzione ad onore, ovviamente, per Michael Jordan. Il numero 23 dei Bulls, seppur non ufficialmente nominato dal lungo, fa parte “di diritto” in tale club dei più grandi. Lo stesso Davis, infatti, lo ha apertamente considerato come suo esempio sin dai suoi esordi nella pallacanestro.

Essendo originario di Chicago, Jordan è stato il mio giocatore preferito. Non ho potuto vederlo di persona, ma inevitabilmente mi sono ispirato a lui sin da ragazzo

Aneddoto curioso, poi, quello riguardante la scelta del suo numero di maglia. A tal riguardo, è recente la notizia della decisione di The Chosen One di rinunciare al suo numero 23, a vantaggio proprio di AD, per tornare al vecchio numero 6, che il nativo di Akron aveva indossato nei suoi anni ai Miami Heat.

Prima di diventare il numero 23, ero il 3 e poi il 30. Arrivato alle superiori, i ragazzi più grandi avevano già quei numeri, e l’unico disponibile era il 23, e mi hanno assegnato questo. Ovviamente, era emozionante sapere che quel numero era lo stesso di leggende come Michael e LeBron

In conclusione, dunque, l’ormai ex giocatore dei Pelicans appare ben calato nella sua nuova realtà, determinato a raggiungere grandi traguardi in una delle franchigie più gloriose della storia del basket.

Il mio obiettivo è vincere un campionato. Mi aspetto di vincere ogni volta che scendo in campo, ogni partita. Voglio vincere un titolo. Ecco di cosa si tratta: titoli. Questa è l’unica cosa nella mia mente

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment