Portland Trail Blazers sempre più in alto, Lillard-McCollum stendono Utah
130321
post-template-default,single,single-post,postid-130321,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Blazers all’ottava consecutiva in casa, Jazz travolti, coach Stotts: “Giorno di riposo extra per i ragazzi”

Blazers all’ottava consecutiva in casa, Jazz travolti, coach Stotts: “Giorno di riposo extra per i ragazzi”

Lontano dalle sirene del mercato “di riparazione” di gennaio e febbraio, mai andato troppo di moda in Oregon, i Portland Trail Blazers continuano la loro solida e silenziosa stagione, affidandosi al consueto duo Dame LIllard-C.J. McCollum ed impartendo ai lanciati Utah Jazz una dura lezione.

 

132-15 il risultato al Moda Center di Portland per gli uomini di coach terry Stotts. Blazers privi di Jusuf Nurkic ma con un Meyers Leonard da 16 punti, 6 rimbalzi, 4 assist e 4 su 5 dalla lunga distanza.

 

 

I Trail Blazers chiudono la partita con un sontuoso 53.3% al tiro, e 16 triple mandate a bersaglio. 30 i punti a fine gara per un efficentissimo McCollum (12 su 17 al tiro, il primo errore dal campo arriva solo nel quarto periodo!), tutti i Blazers schierati da coach Stotts segnano almeno 2 punti.

 

La particolarità del calendario NBA ha portato Utah Jazz e Portland Trail Blazers ad affrontarsi per ben 4 volte in poco più di un mese (la prima il 21 dicembre scorso, 2-2 nella serie). Per coach Terry Stotts un fatto singolare:

 

Sembra quasi di essere i playoffs. Oggi ai ragazzi ho detto: ‘ormai dovremmo conoscere un bel po’ dei loro schemi, dovremmo sapere cosa vogliono fare’. Non è esattamente come affrontare una serie di playoffs, ma di certo partite così ravvicinate contro lo stesso avversario ti portano a conoscere meglio chi hai di fronte. La partita? Avevamo tre giorni di riposo in calendario dopo la gara, i ragazzi hanno voluto prendersi un giorno in più stasera

 

 

I Portland Trail Blazers segnano 45 punti nel solo primo quarto, 74 nel primo tempo (chiuso sul +15) e si fermano solo a metà quarto periodo, quando Damian Lillard (36 punti, 11 assist e 8 rimbalzi) si siede definitivamente in panchina e “rinuncia” ad inseguire la prima tripla-doppia in carriera:

 

Ci ho provato nel quarto quarto. Il coach mi ha lasciato in campo qualche minuto di più per permettermi di prendere i rimbalzi che mi mancavano, poco dopo però ho chiesto io di uscire. Non volevo fare quello che insegue la tripla-doppia a tutti i costi

 

– Damian Lillard –

 

La partita del Moda Center ha rappresentato un brutto stop per gli Utah Jazz (29-23), reduci da un periodo da 9 vittorie nelle ultime 10 gare ed ora al settimo posto nella competitiva Western Conference, ad una sola gara di distanza da San Antonio Spurs e Houston Rockets.

Per Portland (32-20) l’ottava vittoria casalinga consecutiva vale invece il quarto posto in solitaria, ad una sola partita di distanza agli Oklahoma City Thunder.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment