Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsGolden State Warriors Joe Lacob, proprietario dei Warriors, parla della prossima stagione e non solo

Joe Lacob, proprietario dei Warriors, parla della prossima stagione e non solo

di Mario Alberto Vasaturo

Joe Lacob, proprietario dei Golden State Warriors, intervistato dal Mercury News, ha parlato della prossima stagione, riguardo Chris Paul, dei contratti di Klay Thompson e di Steve Kerr e delle ambizioni della franchigia per i prossimi anni.

Non ci sono mai state due linee temporali e mai ci saranno. L’unica linea temporale che c’è è quella di ottenere in campo il miglior risultato possibile, di avere la squadra migliore e di competere per vincere il titolo nella miglior maniera possibile”, ha detto Lacob riguardo la mentalità all’interno della,  dopo una stagione non proprio felice e terminata con più di un punto di domanda.

A uno di questi si è avuta subito una risposta. Jordan Poole infatti è stato coinvolto in una trade a tre squadre che lo hanno portato a Washington, favorendo l’arrivo di Chris Paul alla Baia da Phoenix (insieme a Cory Joseph e Dario Saric). Il contratto pesante di Poole, la sua stagione deludente dopo il rinnovo e anche il pugno ricevuto da Draymond Green ad inizio anno, sono fattori che hanno sicuramente influito su questa decisione.

In molti si chiedono se sia stata la mossa giusta quella di sacrificare un giovane 24enne in favore di un futuro Hall Of Famer, ma pur sempre con 38 anni di età e qualche problema fisico di troppo. 

Dovevamo cambiare qualcosa“, ha detto Lacob. “Sebbene sia una mossa a breve termine, Chris Paul è un favoloso Hall of Famer che penso sicuramente aiuterà la nostra second unit e anche la prima se giocherà in quel quintetto, ovunque giocheràsarà eccezionale“.  

E sul suo ruolo nella squadra: “Dipende dagli allenatoriSono sicuro che ne stiano parlando, ma chi lo sa? Potrebbe partire titolare, potrebbe non farlo. Chi inizia comunque non ha molta importanza, conta chi finisce. 

Le discussioni sull’estensione di Klay Thompson, che sta entrando nel suo ultimo anno di un contratto quinquennale da 190 milioni di dollari, sono ferme in questo momento, secondo Lacob però c’è ottimismo sul fatto che arriveranno ad una soluzione.

Certamente, vorremmo che Steph, Draymond e Klay si ritirassero come Warriors“, ha detto. “Questo è il mio obiettivo, il nostro obiettivo, e penso che ci sia una buona probabilità che accada.

Sul contratto di Coach Steve Kerr invece: “Ne parleremo presto, ne sono sicuro“, ha detto Joe Lacob. “Steve ama essere l’allenatore dei Warriors, io amo Steve, noi amiamo Steve e sono sicuro che anche con lui troveremo una soluzione“.

You may also like

Lascia un commento