Joel Embiid esordio rinviato: "Sono stufo marcio di essere trattato come un bambino"
113250
post-template-default,single,single-post,postid-113250,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Joel Embiid esordio rinviato: “Sono stufo marcio di essere trattato come un bambino”

Embiid back-to-back-Programmazione Sky Sport NBA

Joel Embiid esordio rinviato: “Sono stufo marcio di essere trattato come un bambino”

Per Joel Embiid esordio ancora rinviato in questi Nba Playoffs. Il big man dei 76ers ha mostrato tutta la sua frustrazione sui social subito dopo la sconfitta subita da Philadelphia in game-2.

Joel Embiid esordio rinviato: la sua rabbia sfogata sui social media

Dopo il primo fine settimana di esordi in questi Nba Playoffs, la scorsa notte Philadelphia e Miami hanno dato inizio al secondo capitolo della serie del primo turno di post-season, che mette a confronto la terza e la sesta forza dell’Eastern Conference.

Dopo la vittoria molto convincente fatta registrare dagli uomini di coach Brown in game-1, il team della Florida trascinato da uno strepitoso Dwyane Wade non molla il confronto, pareggiando immediatamente la serie Playoff.

Il match dell Wells Fargo Center non ha visto protagonista ancora una volta in campo il big man dei Sixers Joel Embiid, ancora alle prese con l’infortunio all’occhio avvenuto lo scorso 28 marzo.

Subito dopo il match del Wells Fargo Center terminato con il punteggio finale di 113-103 in favore degli uomini di coach Spoelstra, lo stesso Embiid si lascia andare ad uno sfogo molto meno colorito rispetto a quanto riportato sul suo profilo Instagram.

Ecco le parole rilasciate in conferenza stampa, prima delle parole utilizzate nella sua ‘Instagram Story‘:

Ho promesso a questa città i Playoff e non posso essere in campo, forse neppure giovedì potrò dare un contributo a questa squadra per gara-3 contro gli Heat. Oggi tutto quello che voglio è poter scendere sul parquet con i miei compagni: voglio che mi venga dato il semaforo verde per giocare. Voglio essere d’aiuto a quest’organizzazione e voglio far si che questo sogno possa avverarsi per davvero”.

 

LEGGI ANCHE:

Effetto Klay Thompson: grande difesa, intensità, punti pesanti e IQ elevato

Wade distrugge i Sixers, poi su Kevin Hart: “Grazie per avermi motivato”

Lue su LeBron James: “Deve essere più aggressivo”

Dennis Smith JR: “Posso solo immaginare come sia giocare i playoffs”

Il recupero di Smart procede bene: può tornare contro i Bucks in Gara 7

SEGUICI SU FACEBOOKINSTAGRAMTWITTER e YOUTUBE

 

Luca Castellano
lucacastellano7@gmail.com

Amante del basket dall'età di 8 anni e amante dell'NBA a 360 gradi. Aspirante giornalista/ telecronista di pallacanestro, con lo scopo di divulgare la sua passione alla portata di tutti.

No Comments

Post A Comment