Brett Brown comprende lo sfogo di Embiid: "Rispetto la sua frustrazione"
113254
post-template-default,single,single-post,postid-113254,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Brett Brown comprende lo sfogo di Embiid: “Rispetto la sua frustrazione”

Brett Brown-coach-Marco Belinelli-philadelphia 76ers

Brett Brown comprende lo sfogo di Embiid: “Rispetto la sua frustrazione”

Brett Brown al termine del match di game-2 perso contro i Miami Heat, comprende le dure parole rilasciate dalla giovane stella dei 76ers Joel Embiid.

Brett Brown: “Joel vuole soltanto giocare a pallacanestro”

I Philadelphia 76ers dopo 17 vittorie consecutive cedono il passo in game-2 del primo turno di Nba Playoffs 2018. Il team della Pennsylvania cade sotto i colpi di uno strepitoso Dwyane Wade, cedendo dunque allo strapotere dei Miami Heat di coach Erik Spoelstra.

Nonostante la buona prova dei giovani ragazzi allenati da coach Brown, gli Heat reagiscono nel migliore dei modi approfittando ancora dell’assenza prolungata della stella dei 76ers Joel Embiid.

Subito dopo il match di Philadelphia terminato con il punteggio finale di 116-103 in favore dei Miami Heat, lo stesso head coach dei Sixers Brett Brown ha parlato della prestazione dei suoi ragazzi e dello sfogo pubblico di Joel Embiid.

Ecco le sue parole rilasciate in conferenza stampa:

Devo complimentarmi con i ragazzi di coach Spoelstra. Quest’oggi gli Heat hanno mostrato di essere più bravi di noi e hanno approfittato della nostra tensione per vincere un match importante. Prima di venire qui e continuare a  parlare con voi del match appena finito, vorrei aggiungere qualcosa riguardo la situazione Embiid. Ho avuto una conversazione privata con lui e capisco perfettamente come ci si sente quando non puoi fare nulla senza il consenso degli altri. Capisco perfettamente la sua frustrazione e sono consapevole che vuole fare di tutto per essere presente in questa sfida con Miami. Lui vuole soltanto giocare a pallacanestro e la sua rabbia è completamente giustificabile.”

 

LEGGI ANCHE:

Joel Embiid esordio rinviato: “Sono stufo marcio di essere trattato come un bambino”

Effetto Klay Thompson: grande difesa, intensità, punti pesanti e IQ elevato

Wade distrugge i Sixers, poi su Kevin Hart: “Grazie per avermi motivato”

Lue su LeBron James: “Deve essere più aggressivo”

Dennis Smith JR: “Posso solo immaginare come sia giocare i playoffs”

Il recupero di Smart procede bene: può tornare contro i Bucks in Gara 7

SEGUICI SU FACEBOOKINSTAGRAMTWITTER e YOUTUBE

Luca Castellano
lucacastellano7@gmail.com

Amante del basket dall'età di 8 anni e amante dell'NBA a 360 gradi. Aspirante giornalista/ telecronista di pallacanestro, con lo scopo di divulgare la sua passione alla portata di tutti.

No Comments

Post A Comment