fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Masai Ujiri ai Knicks? Tanenbaum è chiaro: “E’ ai Raptors per restare”

Masai Ujiri ai Knicks? Tanenbaum è chiaro: “E’ ai Raptors per restare”

di Francesco Catalano

C’è una possibilità che Masai Ujiri possa diventare il nuovo presidente dei New York Knicks? Assolutamente no secondo Larry Tanenbaum. Quest’ultimo è, per chi non lo sapesse, un businessman canadese, co-proprietario di MLSE (Maple Leaf Sports & Entertainment), ma anche azionista dei Toronto Raptors e della ScotiaBank Arena.

Masai Ujiri è stato uno degli artefici del successo e dell’ottimo progetto portato avanti dalla squadra canadese negli ultimi anni. Una continua ascesa che ha raggiunto il suo apice con l’acquisizione di Kawhi Leonard e la conseguente vittoria del titolo NBA nel 2019. Vittoria che sa di storico perché è stata la prima volta per una squadra canadese.

Un progetto (se così si può chiamare) ben peggiore è stato quello realizzato dai New York Knicks in questi ultimi anni. L’umore altalenante del proprietario James Dolan ha fatto in modo che la prima squadra di New York non abbia ancora trovato una strada seria da seguire e che si trovi alla deriva. Quella di quest’anno è l’ennesima stagione fallimentare che ha già prodotto le prime vittime. Pochi giorni fa è stato infatti licenziato l’head coach David Fizdale.

Fizdale paga, in parte, anche colpe non sue dovute alla pessima gestione della franchigia. L’intenzione del magnate James Dolan sarebbe ora quella di ripartire ancora una volta da zero. Il prossimo posto che sembra debba saltare è quello dell’attuale presidente, ossia Steve Mills. E Dolan, per sostituirlo, sta tentando in tutti i modi di convincere Masai Ujiri a prendere il suo posto. Secondo le indiscrezioni, Ujiri nel nuovo progetto Knicks avrebbe pressoché carta bianca e Dolan sta cercando in tutti i modi di convincerlo.

Attualmente Ujiri ha ancora due anni di contratto coi Raptors che scadrà al termine della stagione 2020/21. Ancora non si è parlato di estensione contrattuale con la franchigia del Canada, ma Larry Tanenbaum non ha dubbi.

Non ne abbiamo ancora parlato (riguardo l’estensione, ndr) a questo punto, ma se me lo chiedi, penso che le sue intenzioni siano chiare. Masai ha un contratto che dura ancora due anni, perciò non c’è ancora bisogno di parlare di estensione. Lui è il migliore. Ma nessuna squadra può venire a parlare con lui. Si tratta di “tampering”. E ogni proprietario lo sa. Masai è qui per restare”.

Queste dichiarazioni dovrebbero ancora una volta far desistere James Dolan dalle sue intenzioni, ma chissà se sarà così.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi