fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti Celtics vs Heat: battaglia sulla scacchiera tra Stevens e Spoelstra. Dove vedere la serie e analisi

Celtics vs Heat: battaglia sulla scacchiera tra Stevens e Spoelstra. Dove vedere la serie e analisi

di Francesco Catalano

Ad Est Celtics vs Heat è la finale di Conference che non ti aspetti. La squadra della Florida e quella del Massachusetts hanno eliminato rispettivamente la prima e la seconda testa di serie della Eastern Conference, quindi i Milwaukee Bucks ed i Toronto Raptors, ribaltando quelli che sembravano i rapporti di forza alla vigilia dell’inizio dei playoffs.

Entrambe le squadre hanno brillato per la loro grande attitudine difensiva: forse, al momento, sono quelle meglio organizzate a livello difensivo della lega. La loro forza sta anche nella coralità del gioco che coinvolge tutti gli interpreti; il tutto infarcito dalle giocate delle stelle della squadra (Tatum, Walker e Brown per i Celtics e Jimmy Butler, Bam Adebayo e Goran Dragic per gli Heat).

Va detto che  queste due squadre hanno assolutamente meritato questo traguardo. Gli Heat vengono da un percorso quasi netto: sweep contro gli Indiana Pacers (non gli ultimi arrivati) e un sonoro 4 a 1 ai danni dei Bucks dell’MVP Giannis Antetokounmpo. Soprattutto la vittoria contro Milwaukee ha fatto vedere tutte le potenzialità di Miami per chi ancora dubitasse delle loro possibilità. I Celtics, invece, vengono da uno sweep contro i fallimentari Philadelphia 76ers e da una serie estenuante vinta per 4-3 ai danni dei Toronto Raptors. Una serie che, in un certo senso, ha consacrato definitivamente la squadra di coach Brad Stevens che ha saputo unire bellezza in campo e spregiudicatezza con il giusto bilanciamento.
Tuttavia, entrambe le franchigie non intendono fermarsi proprio ora. Le NBA Finals sono all’orizzonte e sono un obiettivo tangibile per Miami e Boston. Vediamo ora quali saranno i punti nevralgici di questa serie!

celtics walker stevens

Kemba Walker e Brad Stevens

Lo score ai playoffs

Boston Celtics

  • First round: 4-0, vs Philadelphia 76ers
  • Second round: 4-3, vs Toronto Raptors
  • Offensive rating: 113.3
  • Difensive rating: 107.0
  • Team leaders: Jayson Tatum (25.3 PTS), Jayson Tatum (10.1 REB), Kemba Walker (5.3 AST)

Miami Heat

  • First round: 4-0, vs Indiana Pacers
  • Second round: 4-1, vs Milwaukee Bucks
  • Offensive rating: 112.5
  • Difensive rating: 109.5
  • Team leaders: Jimmy Butler (21.8 PTS), Bam Adebayo (11.7 REB), Bam Adebayo (4.8 AST)

Celtics vs Heat: il duello

Inutile dire che tatticamente questa serie sarà una delle più belle di questi playoffs dato che vede contro due professori della pallacanestro come Erik Spoelstra e Brad Stevens. Il vincitore della sfida passerà molto dalla difesa: come detto, entrambi i team hanno dimostrato di essere preparatissimi per quanto riguarda la fase difensiva (basti vedere l’attitudine a cambiare quasi su ogni giocatore).

Quest’ultima caratteristica è dovuta al fatto che sia Boston che Miami scendono in campo con un lungo anomalo. Bam Adebayo e Daniel Theis non sono dei rim protector di primo ordine, ma sono due centri cosiddetti moderni. Sono dotati di grande mobilità e sono in grado di marcare anche avversari molto più piccoli e veloci di loro; anche se Adebayo gode di qualche giocata offensiva in più, il tedesco ha fatto vedere di essere una pedina essenziale nel sistema di Stevens anche in attacco.

Sarà interessante scoprire gli accoppiamenti di questa serie. Presumibilmente Walker e Dragic, e Adebayo e Theis saranno quasi sempre insieme. Le altre tre coppie potrebbero essere invece molto più fluide. Di base gli assegnamenti dovrebbero essere i seguenti: Tatum-Crowder, Brown-Butler, Robinson-Smart. Tuttavia, è molto probabile che potremo vedere il mismatch tra Butler e Smart e che l’ex Sixers a volte scivoli su Tatum per tentare di contenere la fantasia del numero 0 dei biancoverdi.

Come giocheranno gli Heat in attacco? Miami ha il terzultimo pace della lega (98.3). Questo significa che Spoelstra evita la transizione e preferisce sfruttare tutti i 24 secondi a disposizione per trovare il tiro migliore. Gli Heat, infatti, tirano molto da tre punti ed hanno i giocatori per farlo (Goran Dragic, Duncan Robinson, Jae Crowder, Tyler Herro, Kelly Olynyk e Andre Iguodala). Con i Bucks hanno ottenuto anche tanti punti dal pitturato, soprattutto con Adebayo e Butler, ma presumibilmente contro i Celtics torneranno allo stile di gioco visto con più evidenza nella serie vinta contro i Pacers.             Il più caldo dall’arco in questi playoffs per gli Heat è stato Jae Crowder (40% con 8.3 tentativi di media a partita), ma anche Goran Dragic (38.1%), Duncan Robinson (39.3%) e Tyler Herro (40% con 6.1 tentativi) stanno volando ad alte percentuali. A Jimmy Butler, invece, spetta il compito di attaccare il ferro e di prendersi i suoi canonici tiri dal mid-range. Inoltre, una giocata classica in casa Heat per mettere in azione uno dei loro tiratori è l’hand-off o passaggio consegnato, che vede spesso e volentieri Bam Adebayo impersonare il ruolo del passatore e bloccante.

Jimmy Butler beneficia di un blocco di Jae Crowder per attaccare il ferro.

Per gli Heat sarà quindi importante mantenere alte le percentuali dall’arco nel tentativo di non cadere nella ragnatela intessuta dagli uomini di coach Stevens. Dalla panchina sarà ancora una volta fondamentale l’apporto di Andre Iguodala che ha regalato qualche giocata importantissima contro i Bucks sia in attacco che in difesa. Kendrick Nunn (finalista per il premio di Rookie of the year) sembra ormai essere relegato al ruolo di riserva di Goran Dragic che in questi playoffs ha davvero inserito una marcia superiore. Da non sottovalutare il ruolo di Kelly Olynyk, ex della partita e giocatore in grado di mettere punti importanti anche con un minutaggio ridotto.

Andiamo ora dall’altra parte della barricata! I Celtics prediligono, solitamente, come gli Heat una fase offensiva ragionata volta a sfruttare tutti i secondi a disposizione. Tuttavia, quando la situazione lo permette, non disdegnano la transizione soprattutto quando ad attaccare il ferro sono giocatori veloci come Tatum, Brown e Smart. Questa tendenza ad utilizzare entrambi gli stili di gioco in attacco è testimoniata dal dato del pace (99.5) che è il diciassettesimo della lega. I Celtics, quindi, si collocano a metà tra la transizione e un uso completo dei 24 secondi offensivi.

I Celtics sanno essere bravi anche in transizione grazie alla rapidità di Smart, Tatum e Brown.

La stella della squadra è Jayson Tatum e dalle sue giocate passano le possibilità di vittoria dei biancoverdi. Anche se in alcuni momenti ha perso qualche palla di troppo, nei momenti importanti nella serie contro Toronto ha dimostrato di essere lui il faro della squadra. In questi playoffs sta avendo anche percentuali molto alte al tiro dalla distanza (41.9% con 6.7 tentativi di media a partita). Spesso gli attacchi degli uomini di Stevens iniziano proprio con Tatum in punta che aspetta i movimenti dei compagni, lasciando spesso Kemba lontano dalla palla (off the ball) per piazzarsi intorno all’arco.

Un peso enorme sia in difesa che in attacco lo stanno avendo Jaylen Brown e Marcus Smart. Se il primo non ha ancora estrema affidabilità nel tiro da tre punti, il secondo ha dimostrato di poter essere letale dall’arco (le sue 5 triple consecutive nel quarto quarto di gara 2 contro i Raptors hanno permesso ai Celtics di vincere). Smart, poi, in questi playoffs sta avendo una tenuta difensiva impressionante: la stoppata nel finale di gara 7 a Norman Powell è solo la ciliegina sulla torta. Lui è il vero leader emotivo della squadra del Massachusetts.

Brown, altrettanto, si sta dimostrando sempre di più un arcigno difensore e contro i Raptors è riuscito a portare tanti punti grazie al suo tiro affidabile dal mid-range ed alle sue fulminee penetrazioni a canestro (54.4% da 2 punti con 9.4 tentativi a partita). Quello che in casa Celtics non ha brillato nella serie con Toronto è stato Kemba Walker. L’ex Hornets ha faticato in tutte le gare a trovare ritmo e continuità al tiro a causa anche della gabbia che coach Nick Nurse gli aveva costruito intorno.

L’affidabilità di Jaylen Brown nel tiro dalla media distanza.

In ogni caso, se i biancoverdi vorranno vincere questa serie sarà necessario che anche le percentuali di Walker salgano. In questi playoffs, infatti, ha messo a referto solo il 28.4% delle triple tentate (veramente troppo poco per un giocatore che fa di quel fondamentale la sua arma letale. Stevens poi dalla panchina si affiderà a Brad Wanamaker che farà riposare Walker in fase di impostazione, Semi Ojeleye, ottimo difensore e tiratore affidabile dall’arco, Robert Williams III, giovane acerbo ma strabordante sotto canestro e Grant Williams, difensore di tutto rispetto: vedere la sua marcatura ai danni di VanVleet nell’ultimo possesso di gara 7.

Infine, per i Celtics ci sarà l’incognita Gordon Hayward. Con il suo ingresso nella serie, è ovvio che gli equilibri potrebbero spostarsi dalla parte di Boston. L’ex Jazz al momento è rientrato nella bolla e si sta allenando regolarmente, tuttavia ancora non è chiaro se potrà scendere in campo anche solo a serie in corso. La sua presenza farebbe tutta la differenza del mondo per i Celtics che avrebbero in più un altro scorer letale ed un ottimo stealer.

Celtics: roster e rotazioni

  • #9 Brad Wanamaker, PG
  • #12 Grant Williams, PF
  • #37 Semi Ojeleye, PF
  • #0 Jayson Tatum, PF
  • #27 Daniel Thies, C
  • #36 Marcus Smart, SG
  • #11 Enes Kanter, C
  • #7 Jaylen Brown, SF
  • #8 Kemba Walker, PG
  • #20 Gordon Hayward, SF
  • #43 Javonte Green, SF
  • #4 Carsen Edwards, SG
  • #45 Romeo Langford, SG
  • #44 Robert Williams III, C
  • #77 Vincent Poirier, C
  • #51 Tremont Waters, PG
  • #99 Tacko Fall, C

Heat: roster e rotazioni

  • #55 Duncan Robinson, SF
  • #13 Bam Adebayo, PF
  • #25 Kendrick Nunn, SG
  • #9 Kelly Olynyk, C
  • #7 Goran Dragic, PG
  • #5 Derrick Jones jr., SF
  • #22 Jimmy Butler, SF
  • #14 Tyler Herro, SG
  • #0 Meyers Leonard, C
  • #30 Chris Silva, PF
  • #28 Andre Iguodala, SG
  • #99 Jae Crowder, SF
  • #44 Solomon Hill, SF
  • #2 Gabe Vincent, PG
  • #4 KZ Okpala, SF
  • #40 Udonis Haslem, PF
  • #17 Kyle Alexander, PF

Celtics vs Heat: dove vedere la serie

Celtics vs Heat, volete godervi tutti i minuti di questa sfida? Le finali di Conference ad Est sono visibili in due modi diversi. Ecco quali:

  1.  Celtics vs Heat su Sky Go
  2.  Celtics vs Heat su NBA League Pass

Nel primo caso sarà possibile vedere le sfide della serie su Sky, tramite l’applicazione per smartphone, tablet e pc. I requisiti? Avere un abbonamento con Sky da almeno un anno ed avere attivo il pacchetto sport.

Così potrete vedere in diretta i match, ma anche registrarli e riguardarli su Sky e sui vostri dispositivi. Per il secondo metodo invece basta abbonarsi sul sito web di NBA League Pass, selezionare il pacchetto desiderato e potrete vedere tutte le gare anche in contemporanea in diretta, in streaming su PC, tablet, cellulare.

Erik Spoesltra.

Erik Spoelstra

Non manca nient’altro per gustarsi al meglio questa sfida! Non c’è dubbio che questa serie sarà una meraviglia per gli occhi per coloro che amano il gioco della pallacanestro: quella tra i due coach sarà una partita di scacchi per chi riuscirà a trovare la strategia giusta per vincere e staccare il biglietto per le NBA Finals.

In tutti questo groviglio, ci sarà spazio anche per la grinta di Jimmy Butler e per l’eleganza di Jayson Tatum. Quello che è certo è che abbiamo a confronto forse le due squadre più belle da vedere della lega e due team che si stanno meritando completamente i traguardi che stanno raggiungendo con grande tenacia e determinazione.

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi