E’ un LeBron James che non cerca scuse, quello catturato dai microfoni dopo la disfatta di gara 2 delle NBA Finals 2016 contro i Golden State Warriors. Il numero 23 dei Cleveland Cavs, come riporta Patrick Britton di TheScore.com, ha detto:

Devo fare meglio. Devo fare meglio con la palla in mano. Devo giocare di più per i miei compagni, ed essere più solido in campo. Quando giochi contro questi ragazzi, paghi ogni singolo errore sul campo. Ogni singola volta.

Lebron James Cavaliers Playoffs

LeBron James in azione con la jersey numero #23 dei Cleveland Cavaliers.

Nonostante una gara nella quale il nativo di Akron, in Ohio, ha flirtato ancora con la tripla doppia, la cattiva serata al tiro (7-17 dal campo per l’ala dei Cavs con ben sette palle perse) ha contribuito a far si che i Warriors prendessero il largo nella seconda parte di gara. Quando il gioco di LeBron viene meno a livello offensivo, è già un prolema, figuriamoci quando diventa difficile anche per Irving e compagni trovare costantemente la via del canestro. Nella gara di ieri le percentuali (di squadra) al tiro sono rimaste decisamente sotto al 40%, e i Cavs hanno perso le prime due gare con uno svantaggio combinato di 48 punti.

Ora, come già detto ed analizzato approfonditamente in precedenza, a complicare le cose, c’è anche l’infortuno di K-Love, che ha rimediato una commozione cerebrale in uno scontro con Barnes. A questo proposito, LeBron James ha detto:

Nella scorsa stagione abbiamo vinto due partite in post-season senza di lui, passiamo alla prossima domanda.

Con la sua ultima dichiarazione, James, fa intendere che tra lui e l’ex Minnesota i rapporti non sono certo rosei, e dall’ambiente Cavs emerge anche un nuovo particolare: in caso la dirigenza dovesse richiedere delle modifiche al roster per la prossima stagione, l’indiziato numero uno a finire in una trade sarebbe proprio il numero zero. Intanto, spazio a Frye in quintetto. Riusciranno i Cavs dell’inesperto allenatore Lue a riequilibrare le sorti contro l’armata Warriors guidata da coach Kerr? Ora la serie si sposta in Ohio alla Quicken Loans Arena per gara 3 e gara 4, dove LeBron e compagni potranno contare sul pubblico di casa che, soprattutto in una serie finale dei playoff, può diventare un fattore determinante per far tornare alla ribalta i ragazzi di Lue.

Per NBAPassion.com,
Gabriel Greotti (@GabrielGreotti on Twitter)

You may also like

Lascia un commento