Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBoston Celtics Boston Celtics umiliati, Mazzulla: “Non li ho preparati bene”

Boston Celtics umiliati, Mazzulla: “Non li ho preparati bene”

di Mario Alberto Vasaturo

Una sconfitta che sa di disfatta più totale per i Boston Celtics. Quella in gara 3 delle finali di Conference contro gli Heat è la sconfitta con lo scarto più ampio (128-102) nella storia playoff dei Celtics, ed è la prima volta che una squadra con l’ottava testa di serie vince una partita di postseason con 25 o più punti di scarto.

Ci si aspettava una reazione nella partita più importante della stagione, anche in relazione a quanto aveva detto anche Tatum prima di gara 3, sul perché Boston giocasse così bene fuori casa nelle ultime due postseason:

Perché non avevamo scelta, dovevamo vincere altrimenti la stagione sarebbe finita lì”, questa volta però non è scattata la stessa scintilla, anzi, ciò che si leggeva nel volto dei giocatori di Joe Mazzulla sembrava rassegnazione al proprio destino. Un destino amarissimo, inaspettato e che sembra essere quasi compiuto con Miami ormai avanti 3-0 nella serie. Nessuna squadra nella storia è mai riuscita a vincere una serie dopo aver perso le prime tre gare (0-149). 

Il primo sotto la luce dell’accusa è sicuramente Joe Mazzulla, che nel post-partita è stato diretto: “È mia responsabilità, dovevo renderli pronti per la partita più importante dell’anno e non l’ho fatto.” E sulla difesa: “Abbiamo perso identità difensiva ed è qualcosa che dovremo recuperare”. I Celtics sono passati dall’essere tra le migliori tre difese NBA, a essere la decima per difensive rating nei playoff. 

Al Horford, uno dei leader emotivi di questa squadra, ha invece messo i riflettori anche sui giocatori: “Il coach è stato generoso, ma la colpa ricade anche su ogni giocatore. Sapevamo cosa dovevamo fare e sapevamo quanto fosse importante la partita.”

I due giocatori più importanti, Jaylen Brown e Jayson Tatum, non sono mai entrati in partita, giocando, come tutti del resto, in maniera confusionaria. Il primo ha concluso con il peggior plus/minus di -25 e adesso è a 2/20 da tre nella serie; il secondo ha concluso con -23, 6/18 al tiro e 14 punti. Inoltre Tatum in questi playoff è il giocatore con più tiri sbagliati e più palle perse, ma soprattutto non ha mai preso un tiro nell’ultimo quarto in nessuna delle tre gare giocate contro Miami. Numeri pesantissimi e che probabilmente lasceranno parlare per un po’. 

Stanotte è stata dura. Dall’inizio della partita abbiamo iniziato a perdere solo palloni e a tirare male, loro hanno tirato in maniera eccellente. Adesso tutto ciò che possiamo fare, nonostante la posizione in cui ci troviamo, è prepararci e cercare di migliorare per martedì”, ha detto Tatum dopo la partita, ma il compagno Jaylen Brown è stato quello che forse è rimasto ancor più scioccato dopo la brutta figura sua e della squadra: 

Sinceramente non so da dove iniziare, possiamo puntare le dita contro qualcuno, ma in realtà è stato solo imbarazzante.

Boston non ha praticamente mai lottato ed è finita sotto di 22 già nel primo tempo, per poi sprofondare anche a -33 nel secondo. Decisivo il parziale di 32-17 per gli Heat che ha portato ad oltre 30 punti il vantaggio e messo la partita in ghiaccio.

Adesso i Boston Celtics dovranno cercare di salvare almeno la faccia, il così detto “Celtics pride” per non concludere la stagione subendo uno sweep che sarebbe ancor più umiliante. Come ha detto Horford: “siamo ancora qui, non siano ancora fuori, possiamo ancora combattere”. In ogni caso la squadra 17 volte campione NBA è ad una sola sconfitta da quella che potrebbe essere una delle estati più difficili e importanti degli ultimi anni e chissà che quel gruppo formatosi nell’ormai lontano 2018, potrebbe per la prima volta perdere qualche pezzo. Joe Mazzulla si è rivelato inadeguato?È stato giusto metterlo a capo di questa squadra? Brown e Tatum possono ancora giocare insieme? Sono solo alcune delle domande di cui si discuterà, ma a cui solo il front office dei Boston Celtics potrà rispondere.

You may also like

Lascia un commento