Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti I giovani da tenere d’occhio nella stagione NBA 2023-24

I giovani da tenere d’occhio nella stagione NBA 2023-24

di Andrea Delcuratolo

Jonathan Kuminga

Che sia l’anno buono per quella che sembra essere una scommessa incompiuta dell’NBA? La settima chiamata del draft NBA 2021 sembra essere ancora un oggetto misterioso nonostante i 137 gettoni raccolti e l’anello 2022. Kerr gli ha sempre dato poco minutaggio, 20.8 minuti a partita nella scorsa stagione, che però hanno fruttato una media di 9.9 punti, 1.2 assist e 3.4 rimbalzi. Potremmo parlare di un ottimo prospetto per la prossima classe draft.

Tutt’altro come detto. Kuminga entra nella terza stagione NBA dopo una spola fra NBA e G-League con i Santa Cruz Warriors dove ha messo in mostra tutto il suo talento nonostante le sole due presenze. Questa preseason l’ha visto protagonista con una media da MVP: 24.0 punti, 5.8 rimbalzi e 2.5 assist. Siamo sicuri che con il quintetto degli Warriors, che presenta un’età media avanzata, Kuminga non possa trovare spazio nel ruolo di ala piccola o grande che sia?

Nikola Jovic

Win or being among the biggest loser of all times. Il mantra a Miami è molto chiaro dopo due NBA Finals in quattro stagioni che non hanno fruttato alla squadra di Erik Spoelstra quanto sperato. In compenso sono arrivati ottimi talenti come Tyler Herro, veterani come Bam Adebayo e giovani di enorme prospettiva come Nikola Jovic, fresco vicecampione del mondo con la Serbia.

Jovic, a appena 20 anni si trova in una delle squadre più forti in NBA e una medaglia d’argento mondiale. L’ultima preseason l’ha visto ottenere solamente due gettoni, sfruttati discretamente dal serbo. Le medie recitano 5.5 punti, 3.5 rimbalzi e 1.5 assist. Medie basse nonostante i 15.4 minuti di media. La regular season deve essere il breaking point della giovane ala piccola serba. 

You may also like

Lascia un commento