Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti I giovani da tenere d’occhio nella stagione NBA 2023-24

I giovani da tenere d’occhio nella stagione NBA 2023-24

di Andrea Delcuratolo

MarJon Beauchamp

Milwaukee deve tornare in alto, dov’è stata nel 2021. E’ arrivato Damian Lillard, è stato mandato via Jrue Holiday e Giannis Antetokounmpo rimane sempre di più al centro del progetto. Dalla panchina, in uscita, c’è MarJon Beauchamp, ala piccola in grado di far rifiatare il greco, senza far perdere ritmo alla squadra del nuovo coach Adrian Griffin.

Ecco allora che coach Griffin, nel conoscere meglio i propri giocatori e come metterli insieme in campo, gli ha concesso quattro gettoni, per una media di 20.4 minuti. Le medie dicono 9.3 punti, 6.0 rimbalzi e 2.3 assist. Un’ala tuttofare quindi per coach Griffin che, disponendo anche di una rosa profonda, può seriamente ambire all’anello.

Cade Cunningham

Esattamente, ci siamo tenuti il meglio alla fine. Cunningham è visto come lui che dovrebbe, almeno sulla carta, riportare Detroit in alto. La realtà dice il contrario, con appena 76 partite giocate in due stagioni. Detroit, che ha preso un ottimo coach come Monty Williams, lo aspetto e lo coccola. Del resto, cos’altro dovresti fare col tuo uomo franchigia?

La risposta è ovviamente farlo giocare e metterlo in condizione di farlo rendere al massimo. Nelle due partite disputate in questa preseason, Cunningham ha tenuto una media di 13.0 punti, 4.0 rimbalzi e ben 6.0 assist. Ovviamente, il gioco di Detroit passerà da lui. Detroit, per sicurezza ha comunque pescato dal draft Ausar Thompson, il quale si è messo in ottima luce. NBA chiama Detroit. E’ ora che dalla Little Ceasars Arena arrivi una risposta concreta. 

You may also like

Lascia un commento