fbpx
Home Mondiali Basket 2019 Mondiali, buona la prima per l’Italia: Filippine travolte 108 a 62

Mondiali, buona la prima per l’Italia: Filippine travolte 108 a 62

di Francesco Catalano

Tutto facile per l’Italia, che in questa prima partita dei Mondiali batte le Filippine 108 a 62. Un punteggio che non ammette repliche. L’andamento della partita non è mai stato messo in discussione, i ragazzi di coach Meo Sacchetti hanno avuto durante tutta la partita il pallino del gioco. Certo, quello di oggi era un avversario tutt’altro che temibile, ma dopo la lunga serie di sconfitte era importante vincere e convincere.

Gli azzurri erano reduci da 6 KO consecutivi rimediati prima al torneo dell’Acropoli e poi a quello dell’AusTiger. Tuttavia, la squadra era migliorata partita dopo partita, ed oggi si sono visti i primi frutti del duro lavoro a cui si è sottoposto il gruppo.

Il primo tempo di Italia-Filippine

L’Italia parte con Hackett, Belinelli, Datome, Gallinari e Biligha. Da segnalare tra le fila delle Filippine l’ex giocatore NBA Andray Blatche. Gli azzurri partono subito fortissimo grazie ai punti di Biligha e Datome; così a metà del primo quarto il punteggio è già sul 22 a 4 grazie ai 9 punti del capitano. L’Italia gioca sul velluto: assist no look di Belinelli e Gallinari insacca. Prima frazione a senso unico che termina 37 a 8: la partita è già ampiamente blindata.

Il secondo quarto prosegue sulla falsariga del primo: i giocatori filippini sono imprecisi dall’arco, soprattutto Blatche che fatica tantissimo dai tre punti. Ottimi anche gli ingressi in campo di Alessandro Gentile e Amedeo Della Valle che macinano punti e aumentano il divario. Belinelli delizia il pubblico con un tocco raffinato sotto canestro in tuffo e l’Italia chiude così senza affanni il primo tempo sul 59 a 24.

Secondo tempo, Della Valle guida le seconde linee

Alla ripresa i ritmi sono molto più bassi. Il risultato è già in cassaforte, perciò coach Sacchetti dà spazio alle seconde linee. In questo frangente della partita brilla particolarmente Della Valle che mette due triple consecutive, va in doppia cifra e allunga il vantaggio. Da segnalare anche una schiacciata spettacolare di Brooks e la tripla sulla sirena di Tessitori che chiude il terzo quarto sul punteggio di 86 a 39.

Nell’ultima frazione di gioco, i ritmi scemano sempre di più, ora il match diventa un vero e proprio allenamento per gli azzurri. Di fatto si tratta di ordinaria amministrazione; l’Italia si limita a difendere e a ripartire in contropiede. In particolar modo con le penetrazioni di Filloy e le triple di Della Valle che dalla linea dei tre punti pare implacabile. La partita finisce così 108 a 62, dominio assoluto.

Post-partita, Gallinari: “Iniziato alla grande, buona l’intensità”

Partita perfetta per gli azzurri che trovano fiducia nei propri mezzi e aumentano sempre di più la chimica di squadra. Il capitano Gigi Datome ha chiuso con 17 punti e 7/7 dal campo e 3/3 da tre punti, lo seguono Della Valle con 17 punti, Gallinari con 16 e Belinelli con 9 punti e 4 assist. Si sono visti grandi passi in avanti in fase difensiva, ossia quella che aveva scricchiolato in diverse circostanze nelle partite di preparazione. Ecco le parole del “Gallo” a fine partita:

Abbiamo iniziato nel migliore dei modi. Abbiamo portato sul parquet una buona intensità in entrambe le fasi di gioco e sin dall’inizio abbiamo preso il comando. Quello di oggi è stato un grande lavoro. Quando giochi a basket non è mai facile, anche quando vinci con un punteggio largo. C’è sempre da dare il massimo e oggi il nostro impegno ha ripagato, abbiamo mosso bene la palla e ci siamo presi tiri aperti importanti.”

Anche coach Sacchetti si è detto molto soddisfatto di questo inizio da parte dei suoi:

Ieri ho detto ai ragazzi che il debutto sarebbe stato tosto. Arrivavamo da sei sconfitte consecutive ed era importante iniziare nel modo giusto. Oggi abbiamo giocato bene in difesa e abbiamo impedito giocate facili alle Filippine, in fase offensiva abbiamo mosso bene la palla e abbiamo tirato con buone percentuali. Datome aveva giocato pochissimi minuti nei match precedenti e adesso sta prendendo confidenza col parquet”.

Ha terminato poi commentando le prossime sfide dell’Italia durante la fase ai gironi consapevole che quella con la Serbia sarà la sfida decisiva per il primo posto: Li conosciamo bene però non dobbiamo compararci a loro che sono una delle favorite per la vittoria finale. Comunque prima dobbiamo pensare all’Angola e poi ci concentreremo sulla Serbia”.

Il prossimo appuntamento sarà proprio con l’Angola lunedì mattina alle 9:30.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi