fbpx
Home Mondiali Basket 2019 Italia: dopo la Nuova Zelanda ancora due i tagli a roster per Sacchetti, chi rischia?

Italia: dopo la Nuova Zelanda ancora due i tagli a roster per Sacchetti, chi rischia?

di Michele Gibin

Male l’ultimo test degli azzurri di coach Sacchetti al torneo AusTiger di Shenyang\Anshan, la sconfitta per 88-82 contro una Nuova Zelanda alla portata ha riportato la squadra indietro di alcuni passi rispetto ai progressi degli ultimi giorni.

La sconfitta contro i “Tall Blacks” è la sesta consecutiva per l’Italbasket. Certo, si tratta di partite amichevoli ed il risultato non conta, se non per il morale: “La preparazione non è finita nel modo in cui volevamo. Buone gare con Serbia e Francia ma oggi un passo indietro” Così Sacchetti dopo la partita “Spero che questo ci serva per cercare di capire dove migliorare. Andiamo a Foshan in 14 perché come è successo spesso in questa estate gli infortuni sono dietro l’angolo“.

Abbiamo sofferto la loro aggressività e il loro tiro da tre senza riuscire a bloccarlo. Abbiamo avuto sprazzi ma la costante è che ci manca sempre la lucidità nei minuti finali” Il C.T. azzurro parla di passo indietro rispetto alle precedenti sfide, mentre Danilo Gallinari individua nell’alto ritmo dei neozelandesi la chiave del match: “Difficile fin dall’inizio. La Nuova Zelanda ha giocato ad un ritmo molto più alto del nostro, non siamo riusciti a pareggiare la loro intensità e loro sono stati bravi a sfruttare la loro arma principale, il tiro da tre. Aver giocato tornei di altissimo livello è stato importante per noi. Ora inizia il Mondiale e faremo tesoro di queste serate“.

Italia, ancora due i tagli da effettuare per i convocati

Il 3 su 23 dell’Italia al tiro da tre punti non ha aiutato, le percentuali da fuori saranno decisive ai Mondiali per una squadra priva di lunghi di spessore come quella azzurra. Danilo Gallinari (22 punti) e Marco Belinelli (19 punti) i migliori realizzatori della squadra, ancora bene Alessandro Gentile (17 punti). Con tre sconfitte in tre partite, l’Italia ha chiuso il torneo AusTiger al quarto ed ultimo posto dietro a Francia, Serbia e Nuova zelanda.

Ancora due i tagli al roster da effettuare per Meo Sacchetti, che deciderà però solo all’ultimo minuto, il 29 agosto. Contro la Nuova Zelanda non sono scesi in campo per precauzione e riposo Daniel Hackett e Brian Sacchetti, con quest’ultimo che potrebbe essere uno degli ultimi due taglio del gruppo assieme a Ariel Filloy e Giampaolo Ricci.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi